Da bambino Kobe Bryant era l’idolo dei tifosi delle squadre in cui militava suo padre, in Italia. Nell’intervallo delle partite di papà Joe, raccontano i biografi e chi ha avuto la fortuna di vederlo di persona, tirava da solo e raramente sbagliava il canestro. Studiava da campione già allora in quell’infanzia trascorsa nella provincia italian. Il nonno dall’America gli mandava le videocassette dei grandi, Magic Johnson e Michael Jordan, perché imparasse.

Imparò talmente bene, quel ragazzo alto quasi due metri, da esordire nell’Nba senza nemmeno fare il passaggio nel campionato universitario che è via per tutti i grandi del basket Usa. «Non l’avevo detto a nessuno ma dentro di me ne ero convinto: sì, sarei diventato il giocatore più forte del mondo». Sembra di sentirlo dire queste parole con quella faccia sempre sorridente e quel fare amichevole.

Fare quello che ti piace di più. Farlo al massimo. Farlo cercando di essere il migliore di tutti, sempre. Quando fai la cosa che ami di più, l’ossessione è naturale

Più giovane giocatore dell’All Star Game (19 anni e 175 giorni) l’8 febbraio 1998 e miglior realizzatore con 280 Punti. Più giovane giocatore ad essere stato scelto nel NBA All-Rookie Team (1996-97). Più giovane giocatore ad avere segnato 33.000 punti e quarto miglior realizzatore di sempre in Nba. 81 punti in una sola gara. Cinque titoli Nba. Due ori olimpici.

Kobe Bryant non è stato solo un giocatore di pallacanestro, seppur eccezionale, è una filosofia di vita. Si va ben oltre il parquet.

È difficile spiegare a chi non abbia una passione totalizzante cosa sia un’ossessione, ma se parliamo di Kobe, dobbiamo dire soprattutto che sbagliando si impara perché lui, nella sua carriera, ha sbagliato più tiri di quanti ne abbia messi a segno. Diventi Kobe Bryant se sbagli tanto, ma insisti e riprovi. Era dotato di un talento straordinario, ma l’ha sempre alimentato con tanto lavoro, con una serietà e un’etica professionale incredibile. Il punto non è essere Kobe Bryant, ma diventare il Kobe Bryant di se stessi.

Perchè il lavoro duro batte il talento -solo- se il talento non lavora duro.

#GoodByeHero

Blog | MotoGP ai tempi del Corona

Le ganasce del Corona Virus sulla MotoGP

Leggere di più


0 Commenti2 Minuti

Blog | SeBang!

Tutti in pista per i test, sarà questo il vero potenziale della stagione?

Leggere di più


0 Commenti4 Minuti

Blog | L’inutilità del complottismo

Una strategia win-win per Yamaha e Vale.

Leggere di più


0 Commenti4 Minuti

Blog | MotoGP: anno ZERO

È arrivata la fine di un'era?

Leggere di più


0 Commenti5 Minuti

Blog | Una nuova stagione!

Il Campionato è alle porte.

Leggere di più


0 Commenti1 Minuto

Blog | Scambisti di motori

Lewis e Vale a mezzi invertiti.

Leggere di più


0 Commenti4 Minuti